Recensione in un tweet: Seven Sisters

Recensione in un tweet: Seven Sisters

Descrizione:

Una legge centrale, varata per arginare la crescita incontrollata della popolazione, permette alle famiglie il concepimento di un solo figlio per nucleo. In questo contesto austero e limitato, sette sorelle gemelle lottano per vivere un’esistenza normale fingendo di essere tutte la stessa persona (una ragazza di nome Karen Settman), e alternandosi nei suoi panni nel mondo esterno per qualche ora a settimana. Alle piccole Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato e Domenica (tutte interpretate da Noomi Rapace), allevate dal nonno (Willem Dafoe), è permesso uscire di casa soltanto nel giorno corrispondente al proprio nome, con il divieto assoluto di rivelare il segreto della loro famiglia. Nascoste per sei giorni a settimana, camuffate nelle ore concesse all’esterno, crescono senz’altra compagnia che quella del nonno e delle sorelle, fino a quando una di loro, Lunedì, non sparisce nel nulla. Toccherà alle altre investigare sulla scomparsa della maggiore, anche se questo significa uscire al di fuori del giorno stabilito.

Il poster:


La citazione:

– Ha mai pensato ai nomi?
– Be’, ce ne sono sette. Quindi: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, sabato e domenica.

Il trailer:

La valutazione in un tweet:

Azione senza respiro, peccato che raggiunga il finale zoppicando - Recensione #film Seven Sisters Condividi il Tweet

La scheda IMDB:

What Happened to Monday (2017)
What Happened to Monday poster Rating: 6.9/10 (94,634 votes)
Director: Tommy Wirkola
Writer: Max Botkin, Kerry Williamson
Stars: Noomi Rapace, Glenn Close, Willem Dafoe, Marwan Kenzari
Runtime: 123 min
Rated: TV-MA
Genre: Action, Crime, Drama, Mystery, Sci-Fi, Thriller
Released: 18 Aug 2017
Plot: In a not so distant future, where overpopulation and famine have forced governments to undertake a drastic One-Child Policy, seven identical sisters (all of them portrayed by Noomi Rapace) live a hide-and-seek existence pursued by the Child Allocation Bureau. The Bureau, directed by the fierce Nicolette Cayman (Glenn Close), enforces a strict family-planning agenda that the sisters outwit by taking turns assuming the identity of one person: Karen Settman. Taught by their grandfather (Willem Dafoe) who raised and named them - Monday, Tuesday, Wednesday, Thursday, Friday, Saturday and Sunday - each can go outside once a week as their common identity, but are only free to be themselves in the prison of their own apartment. That is until, one day, Monday does not come home.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.