Come creare un audiolibro da un ebook con Calibre (e Windows)

Come creare un audiolibro da un ebook con Calibre (e Windows)

Un ebook è molto di più di un libro cartaceo (non me ne vogliano gli amanti della carta). È un oggetto digitale e, come tale, si presta a essere trasformato (in gergo, consumato) in vari modi. Ad esempio, dal libro, diritti permettendo, è possibile creare un audiolibro in automatico grazie a un interessante estensione (plugin) di Calibre, disponibile purtroppo solo su sistema operativo Windows. Il plugin si chiama banalmente “TTS to MP3” e sfrutta le voci e il software SAPI5 Text-to-Speech presenti in Windows.

speech bubble photo

Prima di utilizzare il plugin verificate che il vostro sistema operativo abbia già installato le voci della lingua che volete utilizzare. Entrate nelle impostazioni relative (in una installazione in italiano lo trovate come “Sintesi e riconoscimento vocale” e selezionando “Sintesi Vocale”). Se non fossero presenti, ad esempio perché usate una distribuzione in lingua inglese, basta selezionare “Aggiungi Voci”.

L’installazione del plugin segue la procedura standard di qualsiasi estensione di Calibre. Nel pannello di ricerca dei nuovi plugin scrivete “TTS” e apparirà l’estensione da installare.

Al termine della installazione viene chiesto in quali menu inserire la funzione di creazione dell’audiobook. Consiglio: nel dubbio selezionate tutto.

A questo punto, ricordatevi di far ripartire Calibre in modo da caricare il nuovo plugin.

Siamo pronti per creare il nostro primo audiolibro.

Selezioniamo “TTS to MP3” dal menu contestuale del libro che ci interessa.

Appare un pannello di configurazione dal quale possiamo, ad esempio, selezionare la voce da utilizzare e la relativa velocità.

Una funzione molto utile è la selezione dei file che nasconde al suo interno tante piccole chicche. Per accedere premete il pulsante “Manual Select”.

Si aprirà il seguente pannello:

In questa finestra è possibile non solo selezionare i singoli capitoli da convertire in audio (diciamo, non ci interessa avere un audio libro della copertina del libro o dell’indice) ma anche decidere la voce da usare, provarla e capire se ci piacerà il risultato finale. Addirittura, è possibile inserire un proprio testo per verificare al meglio la voce da usare.

Ricordatevi di usare il tasto “Salva” e, tornati al pannello principale, aggiornate a vostro piacimento i TAG MP3 precompilati e lanciate la creazione dell’audiolibro premendo il tasto “Create MP3s” e selezionando la directory destinazione, nella quale verrà creata una sottocartella dal nome uguale al libro in elaborazione e contenente un file audio in formato MP3 per ogni capitolo del testo.

Il comando eseguirà in background la richiesta, come fa quando converte o invia un libro. Nel frattempo, potete usare Calibre per trovarvi altre letture, perché qui “i libri so’ milioni, milioni, non li raggiungo mai, capito? Pecché io so’ uno a leggere, là so’ milioni a scrivere, cioè un milione di persone e io uno mentre ne leggo uno…”.

Una volta completata la conversione, il programma vi allerta che il vostro audiobook è pronto.

Premendo il pulsante “Open MP3 dir” è possibile accedere alla cartella contenente l’audiolibro.

Buon ascolto!

Alcune considerazioni finali a scanso di equivoci:

  • I libri NON devono essere protetti da DRM. (Non è questa la sede per aprire una discussione sul tema DRM).
  • L’audio prodotto NON è un audiolibro di qualità. Per quello serve una produzione ad hoc, un regista, un attore, un tecnico del suono, una base musicale… tanti elementi che potete trovare solo nelle produzioni veramente professionali.
  • I libri devono essere in formato EPUB, AZW3 o KEPUB per essere convertiti. Se li avete in altri formati, usate Calibre per arrivare a uno dei formati gestiti dal plugin.
  • È una discreta soluzione per i documenti personali, per i libri fuori diritti e per coprire emergenze e necessità nell’attesa che i detentori dei diritti mettano sul mercato una versione audio valida del testo.
  • La soluzione può migliorare acquistando voci migliori. Ho dei dubbi sul fatto che ne valga la pena per l’uso che abbiamo qui ipotizzato. In alcune situazioni, magari potrebbe essere però un investimento utile.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.