La perdita del filtro… di bellezza

La perdita del filtro… di bellezza

Ci sono momenti in cui non riconosco più Internet. Lo so, la Rete è cambiata e cambierà, come cambiamo tutti e come tutte le tecnologie si evolvono. Eppure, non sono riuscito a trattenere un moto di soddisfazione alla notizia che una vBlogger avesse perso il “filtro di bellezza” durante una diretta video.

Possibile che ormai tra filtri e trucchetti vari, Photoshop e Instragram docet, si sia perso il senso della misura e che la OnLife proclamata da Luciano Floridi si sia ridotta a un incontro tra sofisticati avatar?

Diciamocelo, non è che Internet abbia aperto il vaso di Pandora. Ben prima di YouTube, nel mondo della musica, MTV e i videomusicali avevano causato il sorpasso della bellezza sul talento.

Ecco dunque che il mio stupirsi è solo un segno del tempo, soprattutto del mio che passa. Per i frequentatori della rete a quanto pare è stata solo la nascita di una nuova stella (di poca durata, d’accordo, ma siamo nel futuro) in grado di quintuplicare la propria platea e di raccogliere nuovi introiti pubblicitari.

Per leggere la storia, vi consiglio l’articolo di Paolo Attivissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.