Votare: un diritto-dovere tra spazio, leoni e… trivelle

Votare: un diritto-dovere tra spazio, leoni e… trivelle

Aggiornamento del 18 aprile 2016

Ecco il risultato:

referendum_201604.definitivoTrentacinquemilioni di elettori hanno deciso di non esprimere un parere.

Di seguito il post originale

Giornata dedicata al referendum abrogativo.

in attesa di capire se sarà raggiunto o meno il quorum, vi segnalo i seguenti post sul tema.

Racconto: Ogni voto conta

I voted by vox_efx on Flickr
I voted by vox_efx on Flickr

Garantire il diritto di voto in barba a spazio, leoni e serpenti

Darshandas

Il testo del referendum odierno è, come al solito, facile da leggere, per cui vi metto in grassetto gli elementi base:

Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, Norme in materia ambientale, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 ‘Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilita’ 2016)‘, limitatamente alle seguenti parole: ‘per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale‘?

Un’analisi dei pro e dei contro la potete leggere nell’articolo di Galileo:

Trivelle: 10 risposte sul referendum

oil rig photo
Photo by αndrΩ

Una posizione favorevole all’abrogazione (Sì) , sostenuta da un’analisi scientifica, è quella del Nicola Armaroli, direttore della rivista Sapere.

Referendum del 17 aprile: l’opinione del direttore Armaroli

oil rig sea photo
Photo by arbyreed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.