Recensione in un tweet: Grikon (M.Casolino)

Recensione in un tweet: Grikon (M.Casolino)

Descrizione:

“L’invincibile robot Grikon V” è una serie di animazione giapponese degli anni Settanta, tristemente nota per la sua maledizione. Il regista Oomiya, e il character designer Kobayashi, furono trovati morti negli studios della casa di produzione mentre stavano realizzando l’ultimo episodio della serie. Per decenni i fans si sono interrogati sul finale incompiuto e sul mistero che circonda le cels, i disegni dei cartoni realizzati a mano dai due artisti.

La mortale esplosione in un garage di Tokyo trascina Adriano – studente di storia contemporanea – in un Giappone sotterraneo e nascosto, tra moderni laboratori di ricerca, templi millenari e fumose botteghe, popolato da fanatici di animazione, mercenari, soldati e ragazze travestite da personaggi dei cartoni. Per sopravvvivere, Adriano dovrà riuscire a penetrare il segreto celato da Oomiya e Kobayashi nelle cels di Grikon: un segreto intrecciato con futuristiche equazioni da Nobel ma che affonda le sue vere radici nella Seconda guerra mondiale e gli inconfessabili esperimenti compiuti dalla famigerata “Unit 731” nell’isola di Hashima.

La citazione:

Sul volto di lui, nulla indicava che avesse capito.

Su quello di lei, niente indicava che gliene importasse.

La valutazione in un tweet:

Scritto con passione. Tanta roba (Giappone, anime, fisica, storia). Altri ci avrebbero fatto almeno una trilogia - Recensione del #libro Grikon (M.Casolino) Condividi il Tweet

copertina GrikonI dati del libro:

Titolo: Grikon

Autore: Marco Casolino

Numero di pagine: 447

Anno di pubblicazione: 2011

Genere: romanzo, thriller

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.