Recensione in un tweet: Sils Maria

Recensione in un tweet: Sils Maria

Descrizione:

All’apice della sua carriera internazionale, a Maria Enders (Juliette Binoche) viene offerto di recitare in un revival della commedia che l’aveva resa famosa vent’anni prima. A quei tempi interpretava il ruolo di Sigrid, un’affascinante ragazza che spinge al suicidio il suo capo, Helena. Mentre ora le chiedono di interpretare l’altro personaggio, quello di Helena. Così, Maria parte assieme alla sua assistente (Kristen Stewart) per andare a Sils Maria, un remoto paese delle Alpi, dove si preparerà per il ruolo. Una giovane starlet di Hollywood con una spiccata propensione per gli scandali (Chloë Grace Moretz) interpreterà il ruolo di Sigrid; e così Maria si ritrova dall’altra parte dello specchio, faccia a faccia con una donna ambiguamente affascinante: un inquietante riflesso di lei stessa.

Il poster:

 Cloud of Sils Maria

La frase di lancio:

Te ne sei andata senza neanche guardarmi, come se non esistessi.

Il trailer:

La valutazione in un tweet:

Bello e teatrale. Brave - Recensione #film Clouds of Sils Maria Condividi il Tweet

La scheda IMDB:

Clouds of Sils Maria (2014)
Clouds of Sils Maria poster Rating: 6.7/10 (26,955 votes)
Director: Olivier Assayas
Writer: Olivier Assayas
Stars: Juliette Binoche, Kristen Stewart, Chloë Grace Moretz, Lars Eidinger
Runtime: 124 min
Rated: R
Genre: Drama
Released: 20 Aug 2014
Plot: At the peak of her international career, Maria Enders is asked to perform in a revival of the play that made her famous twenty years ago. But back then she played the role of Sigrid, an alluring young girl who disarms and eventually drives her boss Helena to suicide. Now she is being asked to step into the other role, that of the older Helena. She departs with her assistant to rehearse in Sils Maria; a remote region of the Alps. A young Hollywood starlet with a penchant for scandal is to take on the role of Sigrid, and Maria finds herself on the other side of the mirror, face to face with an ambiguously charming woman who is, in essence, an unsettling reflection of herself.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.